Edvard Munch: The Scream

Oil on canvas
36 1/8 x 51 1/2" (91.8 x 130.8 cm)
Gift of Mr. and Mrs. H. Irgens Larsen and acquired through the
Lillie P. Bliss and Abby Aldrich Rockefeller Funds

Edvard Munch. The Storm. 1893

Oil on canvas, 36 1/8 x 51 1/2" (91.8 x 130.8 cm). Gift of Mr. and Mrs. H. Irgens Larsen and acquired through the Lillie P. Bliss Bequest (by exchange) and Abby Aldrich Rockefeller Funds. © 2018 The Munch Museum / The Munch-Ellingsen Group / Artists Rights Society (ARS), New York

NARRATOR: La curatrice Ann Temkin:

ANN TEMKIN: Questo è Aasgaardstrand, un luogo di villeggiatura e un villaggio di pescatori in Norvegia, dove Munch trascorreva spesso l’estate.

Vediamo, in primo piano, l’immagine di una donna che si copre le orecchie. Ma osservando tutte le altre donne in fila dietro di lei, si nota che stanno facendo altrettanto. Probabilmente si stanno proteggendo dal forte vento. E a giudicare dagli alberi che si piegano di fronte all’edificio centrale, si tratta di un vento terribilmente intenso.

Il primo aspetto che si evince da questo quadro è l’idea di una persona isolata, distante da una comunità di altre persone – in questo caso il gruppo delle altre cinque o sei donne. Si ha la sensazione che Munch osservi il mondo con gli occhi di qualcuno che si misura con una comunità di cui non fa parte.

Munch visse diverse tragedie nella sua vita, a partire dalla morte della madre quando era ancora piccolo. Da un lato, quindi, il quadro rimanda alla storia del suo dolore personale. Dall’altro, però, è anche emblematico del periodo in cui vive. Siamo negli anni 90 del 19° secolo e l’avvento della Rivoluzione industriale, in Europa, ha provocato profondi cambiamenti nella psiche collettiva. A quell’epoca molti artisti sperimentavano una pittura non più chiamata a riprodurre la realtà esterna, ma a rendere conto di quella interna. E Munch, come molti artisti della sua generazione, si allontanò dall’idea secondo cui il colore dev’essere utilizzato per descrivere come appare visivamente il mondo. Per lui il colore era un veicolo per trasmettere uno stato d’animo e creare un’atmosfera espressiva.

0:00
3 / 15